Home page

RD 350

RD 500

FORUM

Le nostre foto

Download

Le altre 2 tempi

Ombrelline

Links

Contatti

RD 350 LC YPVS

(31K)

 

1983

 

      

 

MOTORE
Due tempi, due cilindri paralleli, raffreddato a liquido, valvole YPVS allo scarico con comando elettronico.

Alesaggio e corsa mm 64 x 54; cilindrata totale 347 cc. Rapporto di compressione 6:1, potenza max. 43,5 KW (59,1 cv) a 9.200 giri; coppia max. 4.8 Kgm a 8.500 giri. Ammissione lamellare.

Due carburatori Mikuni VM26SS. Lubrificazione automatica separata tipo Autolube; lubrificazione cambio tramite pompa trocoidale. Accensione elettronica a scarica capacitiva (CDI). Avviamento a pedivella sul lato destro.

Filtro in spugna inumidito con olio motore.
IMPIANTO ELETTRICO

Tensione di funzionamento 12 Volt Generatore: alternatore da 190 Watt. Batteria da 12 V, 5.5 A/h.

Candele: NGK BR8ES; distanza tra gli elettrodi di 0,7-0,8 mm (anche versione RZ).
TRASMISSIONI

Primaria ad ingranaggi a denti elicoidali, finale a catena. Pignone 17 denti; corona 39 denti.

Frizione multidisco in bagno d'olio. Cambio a sei marce.
CICLISTICA

Telaio a doppia culla chiusa, in tubi di acciaio a sezione tonda; inclinazione canotto di sterzo: 27°.

Forcella teleidraulica non regolabile, con steli da 35 mm ed escursione 140 mm.

Forcellone posteriore in acciaio a sezione quadrata con sospensione posteriore New Monocross, ammortizzatore De Carbon,  escursione ruota 110 mm.

Freno anteriore a doppio disco da 267x5 mm con pinze flottanti a doppio pistoncino; posteriore a disco diametro 267x5 mm.

Ruote in alluminio a tre razze. Pneumatici: anteriore 90/90x18-51H cerchio MT2,15x18, posteriore 110/80x18-58H cerchio MT2,50x18.

RIFORNIMENTI
Serbatoio carburante lt. 20 di cui 2 di riserva; serbatoio olio lubrificazione separata lt. 1,6; olio cambio lt. 1,7 (totale) SAE 10W30 SE; liquido refrigerante lt. 1,5.
DIMENSIONI E PESO

Lunghezza 2.120 mm, larghezza 710 mm, altezza 1.175 mm, luce a terra 175 mm, interasse 1.385 mm, altezza sella 800 mm, inclinazione cannotto di sterzo 27°, avancorsa 96 mm; peso a secco kg 144.

PRESTAZIONI

Accellerazione da 0 a 100: 5 secondi.

Accellerazione da 0 a 160: 13 secondi.

Accellerazione sui 400 metri con partenza da fermo: 13,3 secondi.

Accellerazione sui 1000 metri con partenza da fermo: 26 secondi.

Velocità massima: oltre 190 km/h.

Consumo: da 8 a 9 litri di benzina ogni 100 km.

Rumorosità: 89,5 dB(A).

MODELLI

RD 350 LC YPVS - telaio 31 K (1983)

RZ 350 - telaio 29K (1984) per il mercato giapponese.

RZ 350 - telaio 48H per il mercato americano.

RD 350 F - telaio 31 K (1985)

RD 350 N - telaio 31 K (1985)

PREZZO (1983): DM 6090 (Germania)

COLORI

RD 350 LC: Bianco/Rosso - Rosso/Nero - Bianco/Azzurro.

RZ 350: Bianco/Rosso - Giallo/Nero.

 

 

 

 

 


MOTORE

Viene mantenuto il motore nella cilindrata di 347 cc. che viene dotato delle famose valvole che parzializzano lo scarico, incrementando la coppia ai bassi e medi regimi. Le YPVS con comando elettronico sono montate sui cilindri, appena sopra la luce di scarico e sono mosse da un servomotore. Girando la chiave di accensione le valvole eseguono una rotazione completa, per controllare il corretto movimento di tutti i meccanismi YPVS.

I cilindri hanno le canne in ghisa con riporto di alluminio, il sistema di lubrificazione rimane affidato ad una pompa meccanica (Autolube), la quale preleva olio dal serbatoio posto sotto la fiancatina sinistra, per poi immetterlo a pressione ai cuscinetti di banco, ai perni di manovella, ed alle pareti dei cilindri.

L'accensione ha una mappatura differente dai vecchi modelli, è costante sino a 1200 g/min. (anticipo di 17°), aumenta costantemente fino a 3500 g/min. (anticipo di 27°), per poi riscendere di nuovo a 9000 g/min. (anticipo di 17°).

Il rapporto di compressione è di 6:1 (con capacità di camera di combustione paria a 21,3 cc.).
Nel cilindro la luce di scarico è di forma rettangolare con altezza di 27 mm.: la luce di ammissione si divide in tre ingressi: i due  inferiori a 75 mm. dalla sommità del cilindro, e l'altro di 43 mm. all'altezza dei quattro travasi.

Il pistone reca due fori, sul mantello, in corrispondenza delle luci di ammissione. Il cielo è più bombato, e le due fasce hanno altezza pari a 1,2 mm. e 1,5 mm. .
Aumentano notevolmente i diametri del passaggio dell'acqua nei cilindri, ed il radiatore passa da una larghezza di 272,5 mm. ad una larghezza di 290,6 mm., con profondità di 16 mm.

I carburatori Mikuni VM26SS, ora montano getti da 240 anziché 160. Il pacco lamellare ha le lamelle a due petali.

In Germania, dove la moto viene chiamata RD 350 LC2, è disponibile anche il modello depotenziato a 27 o 50 cv, (telaio 1WX), con velocità massima 140 km/h.

In Brasile il motore ha un più basso rapporto di compressione in virtù della qualità dei carburanti venduti localmente.

 

      

 

 

CICLISTICA

La ciclistica si basa su un classico telaio a doppia culla chiusa in tubi di acciaio e la novità la troviamo al retrotreno, in quanto questo modello è dotato della sospensione progressiva denominata New Monocross con mono ammortizzatore collegato a due biellette che danno la progressività di risposta. L'escursione della ruota posteriore è di 110 mm. e l'ammortizzatore è un oleopneumatico "De Carbon" messo in posizione verticale. Il precarico della molla può essere agendo su un meccanismo composto da una cinghietta dentata, la cui prima puleggia è situata sull'asse dell'ammortizzatore, la seconda posta sulla fiancata della moto, viene mossa con una particolare levetta. Il forcellone posteriore è a sezione quadrata.

 

      

 

   

 

La forcella anteriore, di tipo teleidraulico con canne da 35 mm., ha un'escursione di 140 mm. Variando la pressione contenuta negli steli (da 0,4 a 1,2 bar), si può variare la risposta della funzione ammortizzante. La pressione standard è di 0,4 bar, l'olio contenuto è un SAE10W, per 253 cc.
L'impianto frenante ha due dischi da 267 mm. all'anteriore ed un disco da 267 mm al posteriore; le pinze freno sono di tipo fisso e lavorano con olio DOT3.

 

 

Le ruote sono fuse in alluminio a 3 razze, i pneumatici sono anteriormente di misura 90/90-18 e posteriormente 110/80-18.

Il serbatoio è in lamiera, mentre il parafango anteriore, i fianchetti e il supporto sella sono in plastica.
La moto con la sua maneggevolezza, il basso peso di 144 Kg e la potenza del motore, consente di tenere un tipo di passo difficilmente eguagliabile dalle pluricilindriche dell'epoca, è quindi qui che si trova sostanzialmente il motivo del suo grande successo. Le valvole YPVS e il freno a disco posteriore hanno inoltre accresciuto di molto il piacere di guida, facendo diventare l'RD 350 una moto potente ed equilibrata.

 

Curiosità:

La RD 350 LC YPVS (31k) è la prima Yamaha a 2 tempi di serie con le valvole parzializzatrici allo scarico, YPVS (Yamaha Power Valves System) a comando elettronico.

 

 

 

 

 

 

RD 350 F

(31K)

 

1985

 

     

 

Praticamente è la 31K con la carenatura.

Poche le modifiche, soprattutto a livello estetico: nuove colorazioni, nuovo faro anteriore (quadrato), nuovi indicatori di direzione, nuovi specchi retrovisori,semimanubri al posto del manubrio intero e, soprattutto, nuova carenatura integrale.

Per la versione venduta in Brasile, era disponibile solo il cupolino, senza la parte inferiore della carena.

Curiosità:

Parlando di sigla di telaio e motore, la versione carenata della 31K è sempre stata identificata come 57V. Ciò non è corretto perchè sia il telaio che il motore sono siglati ancora 31K.

La sigla 57V è solo il codice identificativo del modello, usato internamente da Yamaha, così come 38J era il codice della 31K "normale".

Sul perchè i giapponesi facessero questa confusione sulle sigle, non è dato saperlo.....

 

  

 

 

 

 

 

RD 350 N

(31K)

 

1985

  


Contemporaneamente viene immesso sul mercato anche il modello RD 350 N, che risulta privo del cupolino e del puntale inferiore al radiatore. Colori: Bianco/Rossa e Rossa/Nera.

Il motore non ha subito modifiche, è il solito da 59 cv della 31K.

Anche in questo caso, la versione senza puntale e cupolino viene identificata come 1JF. Come per la versione carenata, la sigla 1JF è solo il codice identificativo del modello usato da Yamaha, perchè sia il telaio che il motore sono siglati 31K.